Vai al contenuto

ciel Phanthomhive

Utente
  • Numero contenuti

    43
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Numero vittorie

    4

ciel Phanthomhive last won the day on Ottobre 6

ciel Phanthomhive had the most liked content!

Su ciel Phanthomhive

  • Rank
    Gattino
  • Compleanno 05/08/1997

Informazioni su di te

  • Genere
    Femmina
  • Interessi
    Leggere e scrivere fan fiction,cantare e disegnare

Visite recenti

1156 visite nel profilo
  1. ciel Phanthomhive

    69062 129058663814790 129035037150486 148636 6152057 N large

    che caz ho appena visto scusa ? XD vuoi che muoro ?
  2. ciel Phanthomhive

    407609 441107352613907 549149494 N

    povero claude
  3. ciel Phanthomhive

    Impure? What is impure?

    alla faccia della z*****a
  4. ciel Phanthomhive

    Alois stile Tim Burton *-*

    cos'è? in stile tim burton
  5. ciel Phanthomhive

    received_403708806722408[1].png

    © yana toboso e me

  6. ciel Phanthomhive

    received_433226213770667[1].jpeg

    © yana toboso e me

  7. ciel Phanthomhive

    eraser_2018-10-09_12-28-33[1].png

    © yana toboso e me

  8. ciel Phanthomhive

    received_209236439600904[1].jpeg

    © yana toboso e me

  9. ciel Phanthomhive

    received_211748346016380[1].jpeg

    © yana toboso e me

  10. ciel Phanthomhive

    2018_10_09_01_18_26-1[1].png

    © yana toboso e me

  11. ciel Phanthomhive

    ‪+39_327_999_2022‬_20181003_214838[1].jpg

    © yana toboso e me

  12. ciel Phanthomhive

    Il demone del sesso

    ok
  13. ciel Phanthomhive

    Il demone del sesso

    premetto che è una storia a capitoli. qualcuno sa come aggiungere i capitoli alle ff?.
  14. ciel Phanthomhive

    Il demone del sesso

    La storia è un CROSS/OVER! dei primi che avevo scritto con due mie amiche su whattpad , i Pov di Sebastian, Ciel, Elizabeth, Ash (''padre''di Sebastian), Sara ,Angela, Claude , Keita,Alois,Nicol. sono stati scritti da SEBASTIAN_ELIS e i Pov dei Sakamaki, e di Kira un altra oc , sono stati scritti da GiadaKiraChan. e i restanti Pov sono scritti da me e sono quelli di : Yuki, di Lin (madre di Sebastian), Ruka (madre di Claude) , Shin,(padre di Claude) Sara, Alexander,Kira,Yu, Noel,rin, William. ( figli di Sebastian e Yuki ) Keita, Giulia, Luna, Karen, Kaito, Elia, Aurora. (figli di Claude e Hannah). Claudia Phanthomhive (1) Vincent Phanthomhive(2) (figli di Ciel e Elizabeth). Luka Trancy (1) Giada Trancy (2) ( figli di Alois e Nicol). Akira Michaelis Faustus (1) Mika Michaelis Faustus (2) (figli di keita e Sara). spero possa piacervi buona lettura.! ^_^ ja-nee vampirotti. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Capitolo 1 P.O.V. Yuki Non riuscivo ad aprire completamente gli occhi, mentre combattevo contro la luce forte della lampada nella mia stanza, che mi accecava il viso;Mi sono girata di fianco,cominciando ad alzarmi. Un dolore m'assale. Sembrava che qualcuno, in quella notte tormentata da una violenta tempesta mi avesse distrutto. Mi sembra che qualcosa o qualcuno, m'avesse aperto le labbra con un forte morso ma allo stesso tempo pieno di desiderio è dolcezza,. Le lecco entrambe per constatarlo. Erano appena spaccate, e bruciavano sanguinando lievemente, Scrollai le spalle e saltai fuori dal letto. Mi nascosi dalla luce cominciando a riconoscere la stanza attorno a me. Eravamo ospiti a casa del compagno della mia padroncina, per una breve vacanza. E quello era l'ultimo giorno, Continuai a tastarmi le labbra martoriate, e pensai di essermele morse nel sonno. Ma in quella casa così poco famigliare, un pensiero lento e freddo cominciò ad entrare nella mia mente, e impercettibilmente rabbrividii. Era stato sicuramente qualcuno; qualcuno molto vicino a me, ma non sapevo con certezza se era lui. Lo conoscevo, e la strana e immediata sensazione che provavo in quel momento nei suoi confronti non faceva che convincermi di averlo sempre accanto. Il suo sguardo su di me, e i miei ricordi insieme a lui, e le mie sensazioni senza alcuna pietà fornivano prove esaustive. Fra di noi, c'era un unico e stretto rapporto di fiducia, misto ad amore da parte mia; e sapevo quali desideri e pensieri potevano esistere in lui. In passato erano già successe tante cose. Io in primo luogo, avevo pensato e commesso azioni che contribuivano a farmi rabbrividire in quel momento; Cercai di riemergere, e rimasi col mio primo pensiero, Era stato lui. Le labbra spaccate potevano non sembrare chissà cosa, ma non era la prima volta che succedeva Anzi spesso mi ritrovavo con piccoli lividi e succhiotti strani. Vagai silenziosamente per i corridoi della casa, riordinando pensieri e fantasie. Razionalmente era ridicolo pensare ad una sua reazione nei miei confronti, dall'altra era tremendamente affascinante. Gemetti nuovamente quando mi sfiorai le labbra, I miei sospetti includevano per forza la sua presenza, E Non era la prima volta che era così, sebbene la prima di quell'anno appena iniziato. Come sapevo dell'esistenza di un qualcosa fissato a trovarmi ogni notte? Forse l'avevo già conosciuto prima?. Lo sentivo la sua oscura aura, e ora che tanto capivo quanto la sua importanza valeva per me. soprattutto ora che la sua anima, si era unita alla mia e Non se ne sarebbe più andata. Avrei potuto raccontare chiaramente ogni scossa, ogni lampo e tutto l'acido che mi percorreva il corpo. Sulle mie labbra il dolore era più intenso, sotto la violenza delle mie dita. Quello che stava arrivando era un ricordo cosciente, nitido e chiaro. Ed improvvisamente Eccolo, lui il mio demone, affianco a me, anche prima di quella sera nella casa del suo padrone. Quel tempo, godeva della lenta melodia che poteva avere un cacciatore d' anime con la sua preda, qualcuno che poteva e riusciva a danzare nel silenzio. In quel momento, ero rimasta senza una guida. Sentii ogni tocco, sebbene era solo il suo regalo del suo essere tremendo e dispettoso, che avevo immaginato solo con lui . Lo amavo. Io e lui non eravamo mai esistiti nel mondo umano secondo la loro realtà solo Ciel e la sua compagna sapevano di noi. Fra me e me, mi ero già concessa a lui altre volte. Ed Era l'unica cosa che valeva davvero. Sì, una notte con lui, i nostri due corpi, solo noi due in quella stanza buia. Ed eccola, in una delle linee finali, la sensazione di quella presenza, la sentivo appoggiarsi sopra di me, avvicinando le labbra sul mio collo,e sentivo le sue dita su tutto il corpo che mi accarezzavano,in una tortura dolce e sadica al' tempo stesso. La sua pelle era pallida, i suoi capelli corvini, e ammalianti occhi rosso cremisi,quando pensavano al sesso, o solamente all' incontrare i miei. Mi abbandonavo sempre di più a lui, quelle sue attenzioni. che mi dava, e in quel momento tanto intimo e "romantico" stavamo creando una nuova vita. Ero io. Mi trasformavo nel vampiro che in realtà sono e inconsciamente o no. mi dava amore, Si dondolava nel lato più profondo di me; E dove andavo io? Alla deriva, di ogni cosa. Avevo paura, e ora conoscevo ancora meglio il Demone chiamato Sebastian Michaelis. Ci parlavo, faccia a faccia,ormai ero diventata la sua compagna, Pensavo che lui venisse ogni notte,che fosse sempre venuto. Sapevo che in ognuna di quelle notti lui non mi aveva usato o mentito, mi aveva "posseduto" fin dal primo incontro col suo sguardo, in quello che era il nostro desiderio comune. Il fatto era forse che io e lui, ci conoscevamo molto bene. In quel momento, mi svegliai dal precedente incubo, crollavo stavolta realmente, affrontando ogni ricordo. C'era un'altra persona, forse una vera parte di me, che era anche la mia altra metà,che non volevo rivelargli; ma inutilmente. Con la mia parte umana era stato diverso quasi distaccato, e anche se io sono una vampira purosangue avevo un anima umana al quale lui anelava quasi quanto bramasse quella di ciel. Lentamente, e una sola volta, gli avevo raccontato quella storia, lui e me, nel mondo del Demone. Soprattutto, io l'avevo donata da lui, e non il contrario. Non c'era nient'altro che valesse quanto quel legame, talmente forte e dolce, indissolubile allo stesso tempo. Ma ora il sonno stava nuovamente chiudendo i miei occhi, stava colorando sé stesso, e ora che il Demone tornava da me, manteneva il controllo. Ciò che era, era più importante era il fatto che Sebastian . Era mio e di nessun'altra. Era così facile ora fronteggiare il Demone, riuscire a non guardarlo negli occhi per evitare di incantarmi ancora. Passavo dal mio al suo mondo, come il sonno che non arriva subito. Parlavo, pensavo con lui. Poteva egli non dipendere da me quando ero io che l'animavo? E sullo sfondo, il legame, il mio legame, da me messo alla prova per gli occhi di quel Demone, non era stato attaccato, modificato o alterato, lo sapevo. Forse lo ringraziai. Il Demone, prese la forma di un essere umano,o meglio del maggiordomo della quale sono innamorata; Ciò che era più forte in me non poteva essere toccata, e mi apparteneva se solo lo volessi. La settimana si era conclusa, portandomi infine di nuovo verso ciò che sapevo affrontare, il ritorno casa. Il nostro maggiordomo, di cui il ricordo oramai sfuma facilmente, accompagnò me e la mia padroncina alla'carrozza che ci avrebbe riportato a casa dei miei fratelli. Mi accorsi però che il suo comportamento era strano. Quando L' osservavo il suo viso era leggermente innervosito forse percepiva qualcosa in me?. Ed un mio nuovo pensiero torna al Demone inconsciamente sorrisi. Ricordando Il suo viso che era bellissimo, i suoi occhi. Ciò che io e lui avevamo fatto in quella settimana non importava più, svanito con quel momento, che avrebbe portato qualcosa di nuovo. Un'altra volta, nell' ultima sera in cui eravamo ancora a casa del compagno di Elizabeth, Sebastian mi sopraffece. Lui mi sussurrava parole dolci all'orecchio nel "silenzio" e l'oscurità della notte, mentre accarezzava tutto il mio corpo, e gli donava un unico desiderio, ed un unica certezza. L'amore e "il sesso". Quella sera ero un po’ inquieta e lui lo sentiva, mi strinse forte e in modo protettivo Non mi staccai da quel abbraccio neanche per un istante e i miei pensieri si perdevano ad ogni suo tocco. Il mattino dopo però ero seccata al dover ripartire e tornare a casa senza poter sentire il suo tocco delicato su di me; infine, e dovetti abbandonare la loro casa e salire insieme a Lizzy. Cercai di ignorarla per tutta l'attesa del viaggio diretto a casa. Sopportai quel viaggio,ascoltando la musica che a ogni passo se ne stava andando,senza capire esattamente cosa. Appena scesa dalla carrozza, dopo quella fantastica notte. Ogni traccia di lui era in me. Il mattino seguente, di quel dolce Demone, era stata lavata via solo la presenza fisica, quando i miei piedi toccarono il suolo di camera mia a casa dei miei fratelli. Lui era rimasto nella loro casa a Londra. e non sarebbe tornato fino al nostro prossimo incontro; finché non riuscì a contattarlo per dargli una notizia che forse avrebbe fatto felice entrambi. ---------------------------------------------------------------------------------------- Capitolo 2 P.O.V. Sebastian Entro piano senza far nessun rumore, mi avvicino al suo letto e la guardo dormire, osservo in silenzio ogni suo movimento. Non sa in che guaio si è cacciata stando nel mio "territorio". avvicino il viso al suo,e le uniche emozioni che provo in questo momento sono un po’ di perversione,e l'amore sincero che provo per Yuki. Cosi Gli accarezzo il viso e gli sposto una ciocca di capelli dagli occhi, non resisto più e gli mordo con "delicatezza", quelle dolci labbra sento quel sapore dolce e caldo del suo sangue così puro per appartenere ad un vampiro. dopo poco sento la sua lingua che cerca di contrastare la mia eccitandomi di più, mi celo nell'ombra e leccandomi le labbra dove c'era ancora qualche goccia di quel meraviglioso quanto delizioso sangue poi sento ancora i tuoni,e i suoi battiti. Io rimango Nell'ombra, Sto abbandonando letteralmente la mente, a qualche piccola perversione che potrei avere su di lei. un piccolo brivido Di eccitazione mi assale, Ripensando a tutte quelle notti che gli torturavo collo, o in cui univamo la nostre anime. È strano che possa amare sinceramente essendo un arcidemone quasi insensibile. ma in questo momento il mio unico pensiero rimane solo lei. Ed ecco l'alba anche se un po’ oscura per via della tempesta, e così ritorno come sempre al mio posto di maggiordomo del casato Phanthomhive. ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ Capitolo 3 P.O.V. Sebastian "E' una notte pericolosa per innamorarsi vero Yuki?," sussurro piano mentre gli bacio il collo e lei mi bacia la spalla. Y: " la notte è sempre stata pericolosa per noi due Sebastian." sussurra al mio orecchio mentre scende a mordicchiarmi piano il mio collo. "E' il diavolo tentatore dovrei essere io piccola mia...". La sento ridacchiare ormai ho capito che lei è e sarà la mia rovina. Y:" Non è che ti lamenti demone" Sorrido, " non c'è niente di cui lamentarsi infatti." sorride Y: "il mio akuma." "solo tuo". Ormai è un dolce dejavu, dopo che cala la notte e finiamo i nostri compiti, ci ritroviamo nella sua stanza visto che è la più lontana dalle altre; e la più silenziosa ma Ormai il silenzio che era calato adesso è stato spezzato, nella camera risuonano i nostri gemiti, Restiamo ancora uniti l'uno fra le braccia del altra dandoci piacere a vicenda. Alla fine lei si addormenta sempre stretta fra le mie braccia. Sorrido certo che non pensavo che una "ragazza" mi avrebbe mai fatto provare dei sentimenti umani, ma lei ha cambiato tutto sussurro: " la scelta più difficile della vita è quella tra avere quello che vuoi e quello che meriti e io non pensavo di meritare una come te my sweet lady aishiteru." e gli bacio la fronte mentre chiudo gli occhi e mi lascio cullare dal suo battito del cuore. La guardo dormire e pensare che Ho cercato di resistere ma è così difficile, però ho sempre il giusto il tempo per te Yuki. Ma i miei pensieri vengono spezzati da una voce flebile Y: "Ti amo anche io mio dolce akuma".,"Ti ho svegliato?" Scuote la testa; Poi apre quei meravigliosi occhi color indaco e mi guarda sorridendo , gli accarezzo il viso " mi sa che il bocchan mi uccide stavolta", mi guarda e poi capisce che il letto è andato a farsi benedire. Y:"Ah ops" poi me la ritrovo sopra di me , "che vuoi fare?" Y: "Niente solo coccolare il mio dolce demonietto" , la guardo per poi baciarla e gli accarezzo la schiena e lei in risposta mi bacia la spalla, Adoro sentire il suo tocco sulla mia pelle mi fa stare bene , "Se vuoi mordere fai pure." y: "Ma... ." "tranquilla non mi fai male ho superato cose ben peggiori" e faccio il mio solito sguardo da diavolo tentatore che sono, sospira e poi mi morde piano chiudo gli occhi e la lascio fare. Y: "Ti ho fatto male?" Apro gli occhi e vedo la preoccupazione sul suo viso "tranquilla non ho sentito niente",fa un sospiro di sollievo per poi scendere a baciarmi il petto, e io in risposta scendo ad accarezzare la sua zona più sensibile. Ed eccoci qui a ridarci piacere tanto ormai ci siamo abituati a possederci fino al' Alba. Alla fine lei crolla sul mio petto y: "il mio principe" Sospiro "i principi sono gay" Y: "si ma il principe nero no " giro lo sguardo verso di lei che intanto continuava a ridere, e mi metto una mano sulla fronte, poi si accoccola, Y:"Ho paura di perderti." mi giro verso di lei. "Qualunque cosa succeda io ritornerò sempre fra le tue braccia e nessuno ci separerà neanche quel bastardo di Claude." Mi bacia, Y: "Ti amo." "anche io ti amo. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 4 (S: " la scelta più difficile della vita è quella tra avere quello che vuoi e quello che meriti e io non pensavo di meritare una come te my sweet lady aishiteru." e gli bacio la fronte mentre chiudo gli occhi e mi lascio cullare dal suo battito del cuore.) P.O.V. Yuki È mattina presto, mi sveglio e lo guardo dormire il mio dolce demonietto. E così dannatamente bello anche mentre dorme, sorrido lievemente dopo la serata passata con lui è stata unica e dolce è un peccato che domani torneremo da madre capo esercito però non possiamo fare altrimenti. Sospirò e mi alzo coprendomi col lenzuolo caduto la sera prima,non penso sia utile avere un "secondo round adesso". Ridacchio e vado in bagno per poi fare la doccia e sto a lungo sotto l'acqua canticchiando a bassa voce,dopo aver finito in bagno mi vesto e poi torno in camera e lo vedo li che si sta vestendo, a guardarlo solo con la camicia mi viene l' istinto di saltargli addosso; non so con quale grazia divina mi trattengo e lo abbraccio da dietro rossa in viso per poi baciargli la schiena e sorridere. Ohayo Sebastian-kun... Sussurro piano per poi staccarmi lentamente da lui è lo guardo nei suoi meravigliosi occhi color cremisi,è semplicemente perfetto ed ogni volta mi perdo in quel suo sguardo. Distolgo lo sguardo dal suo è faccio per scendere di sotto ed iniziare la giornata, appena arrivo in cucina saluto gli altri e poi aiuto a sistemare le varie cose per la colazione; Quando lo vedo entrare. Noi restiamo in silenzio mentre lui assegna a ognuno un compito, Mey – rin ha il compito di lavare e risistemare tutte le stanze degli ospiti, Finny invece di sistemare il giardino, il gazebo,le rose e la casetta di legno che a volte si usava per l inverno. Possibilmente senza fare danni. bard invece ha il compito di aggiustare il camino sfondato ieri da una delle sue armi e di sistemare le sale con tanaka. E in fine io ho il compito di fare la spesa per la cena di stasera insieme a lui è di aiutarlo in cucina, così metto la giacca e prendo la lista per poter uscire e andare al mercato per fare la spesa. Però ad un tratto mi blocca al muro e in quel momento ho un leggero brivido mentre lo guardo timida. "Cosa c'è?. " S:"Nulla non ho resistito nel volerti dare un bacio." Sorride e assottiglia lo sguardo. "Voglio crepare adesso!" Penso e Avvampo in 0,3 secondi netti, "e mo che ca**o faccio?! Perché devo pensare solo a cose pratiche in questo fottuto momento?! Quali problemi mi affliggono?!." Lui mi sorride come se mi avesse letto nel pensiero e si sposta da me dopo avermi baciato e accarezzato il viso. S:"Sei carina tutta rossa sai?." Ghigna, e io divento peggio del Gabibbo. "Piantala di sparare cretinate e dimmi cosa devo prendere per la spesa!." Giro lo sguardo e cerco di riprendermi dalla sua vicinanza. appena siamo pronti usciamo per andare al mercato, facciamo la spesa tranquilli e dopo aver finito torniamo. però prima di poter entrare in casa, non so perché ma mi sento un po’ strana e dopo è diventato tutto buio. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 5 P.O.V. Sebastian La vedo svenire e la prendo al volo S: "Yuki!", Urlo e sento delle voci di Mey rin ,Finny , Bard e Tanaka davanti alla porta. Mey rin mi parla però non riesco a capire cosa stia dicendo , in questo momento sono bloccato nella mia preoccupazione per lei. Mi limito solo a portarla in una stanza; dove la deposito piano su quel enorme letto. "Sebastian cosa le è successo?!". , Mi giro e vedo il padroncino avvicinarsi a me,lady Elizabeth rimane bloccata davanti alla porta. S:"È svenuta mentre apriva la porta bocchan". C:"Sebastian vai a chiamare un medico." Così mi alzo e tolgo la mano dalla sua che avrei preferito non lasciare,faccio il mio solito inchino e mi dirigo nel piano inferiore bestemmiando mentalmente e non. Prendo in mano la cornetta del telefono e contatto subito il medico. Sospiro e vedo Mey-Rin venirmi vicino preoccupata per entrambi. M:"Come sta?" S:" Non si è ancora ripresa dallo svenimento,ma presto arriverà il dottore". Fa un accenno con il capo per poi sparire dietro una porta. Intanto io resto bloccato davanti alla porta d'ingresso come un cane da guardia non proprio di buon umore,per aspettare quel dannato medico. Appena vedo una carrozza davanti a me scendo quelle poche scale per andare ad aprigli lo sportello S:"Buongiorno dottore" D:"Buongiorno la ragazza dove si trova?",S:"mi segua''. Lo accompagno fino alla stanza dove lizzy stava vicino a Yuki e Ciel teneva una mano sulla testa di Elizabeth per calmarla e rassicurarla. Così il dottore entra nella stanza,D:" scusatemi ma la dovrei visitare, vi prego di uscire". Così aspettiamo fuori. E:"starà bene vedrai",annuisco. C:"Lizzy ha ragione,poi è bello vedere come ti prendi cura di lei, esattamente come lo fai con me''. Sorrido, S; "grazie bocchan."; Non è la prima volta che dice qualcosa di dolce , nei miei confronti mi fa piacere,visto che lo servo da un po' di anni ormai e non me ne pento. Aspettiamo una quarantina i minuti davanti a quella maledetta porta, improvvisamente si apre. E: "dottore..." Lizzy che gli si avvicina. D:"si è svegliata pochi minuti fa;e ho scoperto la causa dello svenimento la ragazza aspetta un bambino." Resto immobile cercando ancora di realizzare la cosa. Prendo coraggio ed entro in camera,avvicinandomi al letto e la guardo. Lei guarda me con una preoccupazione immensa quasi terrorizzata negli occhi da una mia reazione. L'abbraccio e quasi con le lacrime agli occhi mentre lei mi guarda sorpresa e con occhi lucidi, poi le sussurro dolcemente coccolandola. S:"Grazie dello splendido regalo amore mio. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 6 P.O.V. Ciel È Da qualche settimana che ospito Elizabeth e la sua cameriera Yuki a casa mia,da quando sono arrivate Sebastian non stacca gli occhi di dosso, dalla ragazza che accompagna elizabeth. Quel demone me la pagherà cara,per aver disturbato il mio sonno per la quarantesima notte;E sò già di dover ricomprare un letto, però non mi lamento di come abbia cambiato Sebastian non lo mai visto così preoccupato per qualcuno apparte me. E:"Tutto bene ciel?." Mi giro e vedo la mia compagna di fianco a me. C:"Si si tutto bene". Intanto aspettiamo che Yuki e Sebastian tornino dal mercato. Parliamo e vedo che non è cambiata resta sempre la solita sognatrice, sorrido ma poi Un urlo di Sebastian fa scattare sia me che lei sull'attenti. Ci guardiamo un istante per poi andargli incontro a metà corridoio sentiamo i passi svelti del demone,ci dirigiamo verso di lui che era entrato in una stanza con Yuki in braccio. Appena entriamo lo vediamo preoccupato di fronte al letto vicino a lei, così io mi avvicino;e intanto Lizzy era completamente sotto shock per la paura che aveva per Yuki era come bloccata sulla porta. C:"Sebastian cosa le è successo?!.". Si gira verso di me e noto che è preoccupato quasi terrorizzato da poterla perdere. S:"È svenuta mentre apriva la porta bocchan...",Sospiro. C:"Sebastian vai a chiamare un medico". Lo vedo alzarsi e allontanare la mano da quella di lei,poi mi guarda malissimo e lo capisco io farei lo stesso al suo posto;Dopo fa il suo solito inchino e scende. Resto in silenzio a guardarla e spero che stia bene, intanto sento le bestemmie di Sebastian mentre scende al piano disotto. Elizabeth mi si avvicina agitata e in ansia per yuki. C:Tranquilla andrà tutto e poi è una ragazza forte". Annuisce,intanto l'abbraccio e gli accarezzo la testa per tranquillizzarla. Passano una quarantina di minuti e sento una carrozza sento anche dei passi; e poi vedo il medico che entra seguito come un fulmine da Sebastian. D:"Scusatemi ma dovrei visitarla.",così aspettiamo fuori; intanto lo sguardo tremendo e feroce di Sebastian: dice questo dottore del c****,io ti farò bruciare l'anima all'inferno!, nel peggiore dei modi. Appena esce, sento Lizzy; E:"starà bene" ma pare che non la stia ascoltando. C:"Lizzy ha ragione, poi è bello vedere come ti prendi cura di lei; esattamente come lo fai con me". sorride S:"grazie my lord". So che non faccio questi tipo di discorsi con lui, ma so anche che non è la prima volta che glielo dico,quindi non lo vedo tanto soppresso. Dopo un po’ sento la porta aprirsi e Lizzy che si fionda sul dottore seguita a ruota da Sebastian." S-E: "dottore?". Lizzy che gli si avvicina, D:"si è svegliata pochi minuti fa,ho scoperto la causa dello svenimento;la ragazza aspetta un bambino". Io e lizzy ci guardiamo soppressi per poi girarci verso Sebastian che è completamente paralizzato,non so se sia un espressione di puro terrore o se sia felice per la notizia. Dopo pochi minuti si riprende, ed entra nella stanza per poi andare dritto verso Yuki. Lei al vedere Sebastian perde colore e trema,ed io resto qui ancora a realizzare le parole del dottore che intanto è sceso disotto andandosene. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 7 P.O.V. Elizabeth È da qualche settimana che Ciel ci ospita a casa sua, però fra qualche giorno dovremmo ritornare a casa. Intanto in queste settimane ho osservato Sebastian che si comportava in un modo strano, visto che non stacca quasi mai gli occhi di dosso a Yuki, ma ormai ho capito che c'e qualcosa di più fra loro visto che appena cala il silenzio della notte, si sentono dei " rumori" e qualche madonna sibilata di ciel, sorrido e sono felice per loro. Nel frattempo rimaniamo ad aspettare che quei due tornino dal mercato "tutto bene?," gli domando visto che lo vedevo ciel sopra pensiero C:"si si tutto bene." sorrido e nell' frattempo leggo un libro, quando all'improvviso sentiamo un urlo di Sebastian, io e Ciel ci guardiamo allarmati lui più di me; ci alziamo per poi scendere subito e ciel aiuta Sebastian senza che i due si dicano una parola. Sebastian la prende in braccio e la porta in una stanza al piano di sopra mentre ciel gli chiede di andare a chiamare un medico, lui lo fulmina e obbedisce anche se si sente bestemmiare dalle scale cosi io seguo il Demone, e appena arrivo nella stanza mi fermo sulla porta notando Yuki priva di sensi sul letto dove Sebastian l'ha appoggiata ho un po’ di paura per lei. Intanto Ciel mi si avvicina alle spalle abbracciandomi e poi cerca di rassicurare sia me che Sebastian quando torna su dicendogli che il dottore, arriverà al massimo tra venti /quaranta minuti. dal suo sguardo si capisce che vuole restarle e vicino e non ci sarebbe stato verso di smuoverlo o allontanarlo da lei; e un po’ lo capisco in fatti fa un inchino lieve e sorride appena cercando di nascondere l'ansia che aveva per lei. e intanto so che bestemmiava mentalmente. Ciel trattiene un appena percettibile risata per le bestemmie del demone ma se fosse al suo posto farebbe lo stesso per me. Io mi avvicino a lui per cercare di essere D'aiuto, "tranquillo andrà tutto bene, poi è una ragazza forte." sorrido poi torno vicino a ciel; che per tranquillizzarmi mi accarezza la spalla, io lo lascio fare e mi accoccolo al suo petto. Mentre aspettiamo che arrivi il medico, sento una carrozza e dei passi, probabilmente mey-rin lo sta portando qui bussa poi si sposta e lascia entrare il dottore. "bene scusatemi per il ritardo e dovrei chiedervi di uscire per poterla visitare". Così usciamo mentre Sebastian lo guarda male, so che vorrebbe ucciderlo piuttosto che lasciare sola Yuki. Così decido di tranquillizzarlo, "stara bene vedrai." ma si limita ad annuire senza che neanche abbia sentito una mia parola. poi sento la voce di ciel aggiungere mentre lo guarda. C:"lizzy ha ragione e poi è bello vedere come ti prendi cura di lei, nello stesso modo in cui lo fai con me." Lui sorride S: "vi ringrazio bocchan." sorrido guardandoli, il loro è un rapporto tra padre e figlio, e non molto da padrone a servitore e poi Si vogliono bene anche quando si mandano a fanculo o si provocano con lo sguardo. Si sente aprire la porta e subito mi fiondo seguita da Sebastian davanti al medico e all'unisono chiediamo "dottore..." non ci fa finire la frase che subito dice con tono neutro e un lieve sorriso "si è svegliata poco fa e ho capito la causa dello svenimento la ragazza aspetta un bambino." Al sentire queste parole mi giro di scatto verso il ciel che aveva un espressione tra il sorpreso e un po’ shockato, anche se si stava trattenendo dal ridere o fare battute per l'espressione di Sebastian. Poi si avvicina al maggiordomo che sembra gli abbiamo buttato addosso del ghiaccio oltre ad essere impallidito quasi subito. Non passano neanche pochi secondi che Sebastian scatta dentro la stanza vedo la mia vampira paralizzarsi dalla paura avendo visto entrare il demone, forse temeva un suo rifiuto?. Però Sebastian la abbraccia per poi baciarla e lei ricambia; la vedo rilassarsi un po e accoccolarsi a lui con occhi lucidi. Poi noto che ciel era ancora più sorpreso nel vedere Sebastian versare delle lacrime mentre Yuki era ancora un po’ spaventata, mentre io un po’ commossa e felice per loro resto ancora immobile sulla porta mentre ciel sta ancora realizzando l'accaduto, e io sto bestemmiando mentalmente per questa splendida sorpresa. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 8 Arriva Sara. (narrazione secondo il punto di vista della piccola.). A volte si vuole dimenticare alcune cose del passato. La storia di mamma e papà è una di queste, visto che il loro primo incontro. Infatti i loro rapporti non erano dei migliori,Papà cercava di non far fare quasi niente a alla mamma,visto che lui doveva sembrare il maggiordomo perfetto, e questo suo comportamento alla mamma dava sui nervi, intanto i padroncini speravano che le cose tra loro potessero migliorare, chissà magari in una relazione molto più importante che di due semplici colleghi. Si detestavano e fra i due il più testardo era papà visto che lo zio ciel gli a aveva ripetuto più volte che il contratto tra la mamma e la zia lizzy prevedeva che lei dovesse proteggere sia la zia che lo zio. era questo piccolo particolare che innervosiva di più papà : come era successo anche con lo zio Claude. ma sapeva che la anima del suo conte sarebbe rimasta solo sua. Anche papà aveva lo stesso ordine di proteggere anche la ragazza, quindi non era l'unico a provare quel sentimento di gelosia per il proprio padrone. Si detestavano e si facevano dispetti a vicenda, ma d'altra parte si desideravano soprattutto i loro sguardi lo dimostravano più di mille parole, Così il loro rapporto con il tempo cambiò e giorno dopo giorno iniziavano a riappacificarsi e ad avvicinarsi come qualcosa di più. Dopo un po' di tempo arrivò una lettera della regina, che chiedeva di andare a risolvere un caso su una nave da crociera. Da quel incarico è scattato qualcosa di più fra di loro l' inizio della loro storia d'amore. Pov Sara Riesco a vedere i ricordi di mia madre. poi ne vedo uno dove lei e papà sono insieme,di come si sono conosciuti e cosa è successo su quella nave. Dove si sono finalmente dichiarati e messi insieme e dove anno finalmente consumato il loro amore, causando un trauma ad uno shinigami e ad becchino shinigami Undertaker. beh chi non si traumatizzerebbe a "interrompere" una coppia in un momento cosi delicato?. Non so di preciso cosa abbia visto quello shinigami e non mi interessa, so solo che sono felice di sapere che potrei essere un nodo che sarà impossibile da spezzare tra la mamma e papà; sono anche felice di sapere che papà vuole restare per sempre con la mamma e che ci vuole bene. Non so in che modo vuole farlo ma per ora non è importante. Gli ascolto parlare e si interrompono non appena sentiamo delle urla, io mi Spavento un pò e senza volerlo, scatto dando un calcio alla mamma che la fa gemere, sento la voce di papà preoccupata chiedere alla mamma come stava e cosa avesse. Lei risponde non è niente sto bene scusa se ti ho spaventato. Così papà si allontana da lei, è va verso la porta per vedere cosa stava succedendo. Papà, scatta subito dentro e chiude di botto la porta facendo sobbalzare la mamma, poi la avvisa che siamo in pericolo e che la nave è piena di zombie, alla fine di tutto quando stanno per scappare dalla nave che affonda lo shinigami prende in ostaggio prima lo zio Ciel e poi la mamma; papà scatta subito nella nostra direzione per salvare la mamma, ma in quel momento lo shinigami,colpisce in pieno papà con la sua falce, e il panico che sentivo da parte della mamma mi inquieta un Po Perché sento che gli sta salendo l'istinto omicida e inizia a sbraitargli contro bestemmiando anche in tedesco, poi la sento scattare e fare in tutti i sensi nero lo shinigami; appena lo stende corre da papà preoccupata e sembra quasi dolce. Ma io dico, mamma ma mi stai prendendo per il culo?!, Fino a prima eri peggio di Satana e papà messi insieme, e ora sei dolce e coccolosa? calmati cazzo! 0.0. Così dopo un po’ papà si riprende,si riuniscono agli zii e torniamo a casa. Un mese dopo la mamma sviene sulla porta di casa e dopo una visita si viene a sapere che arrivo io. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 9 POV Sebastian Non credo ancora che tra pochi mesi sarò padre. la sto ancora abbracciando mentre sento i passi del padroncino, che si sta avvicinando a noi. Y: "Non sei arrabbiato?" Sussurra e sorrido e la guardo, S: "perché dovrei anzi la cosa mi rende molto felice." intanto ciel mi mette una mano sulla spalla. C:"Sei un cazzo di danno Sebastian." Ghigno, S:"voi non siete da meno bocchan''. Lo sento ridacchiare piano ma poi. E:"yukiii!." E Lizzy che l'abbraccia. E:"awww sarò zia sii cazzo!". Y:"Lizzy non urlare",sorride e si scusa e mentre la coccola. C:"beh auguri"; S:" la ringrazio", mi guarda per poi dire C:"oggi prenditi un giorno libero e stagli vicino." mi giro di scatto con gli occhi sgranati, S:"cosa cazzo ho appena sentito?! bocchan,lei non mi ha dato mai un giorno libero''. C:" faccio un eccezione. Dai Lizzy andiamo e lasciamoli un po’ soli, ah Sebastian non ti si addicono le lacrime." Mi passa un fazzoletto lo guardo annuendo,vedo Lizzy abbracciarla per poi chiudere la porta seguendo ciel. Mi avvicino e gli accarezzo il viso e intanto lei continua a ridere, S:"la smetti?"; scuote la testa e io sospiro,mi prende il viso fra le mani asciugandomi una lacrima col dito. Y:"è la prima volta che ti vedo piangere" giro lo sguardo imbarazzato, infatti anche sul viso di lady Elizabeth e di Ciel si vedeva chiaramente un po' stupore mentre mi parlavano. Ecco ora la cosa negativa è dirlo hai suoi fratelli,Non sarà una passeggiata. Mi gira il viso delicatamente verso di se,baciandomi. Y: "cosa c'è?." S:"sai che morirò presto vero?." Y:"casa?! perché?!, S:I tuoi fratelli...". y:"ah... ho merda mamma Reiji ci ammazza!." Sgrana gli occhi poi sorride. Y:"ho beh sti cazzi non fa niente, l'importante è che sto con te." mi bacia di nuovo sorridendo rossa. S:"la stessa cosa vale per me",così mi accoccolo al suo seno come un bambino. Restiamo così fino all'ora di pranzo;dove entra Mey-rin. M:"scusate il disturbo ma il signorino mi ha chiesto di portarvi il pranzo,". S:"grazie..." Appena lei inizia a mangiare,io mi alzo e vado a prendere la giacca, che avevo abbandonato su una sedia per la fretta in un angolo della stanza. Lei mi guarda perplessa. Y: "Dove stai andando?". S: "È una Sorpresa". La bacio ed esco per dirigermi in città. Mi avvicino al negozio più bello che ho visto in questi pochi minuti, non me lo faccio ripetere due volte ed entro. Sento la campanella dell' entrata del negozio,la signora al bancone mi guarda sorridendo. ???:"Ohayo,vuole una mano a scegliere un anello o una collana signore?." mi domanda cortesemente una signora sulla quarantina. S:"No grazie, ma ho già deciso prendo quel gioiello in vetrina." E' in oro nero ed ha un cristallo misto tra l' indaco e il blu cobalto, appena l'ho visto ho subito pensato a lei e hai suoi occhioni dolci. S:"ottimo.",pago ed esco. Avviandomi verso la villa, appena dentro salgo piano le scale senza far nessun rumore; mi dirigo verso la sua stanza, dove entro e la trovo vicino alla finestra a guardare la neve scendere. S:Dio quant'è bella. (pensiero) Poi si gira verso di me. Y: "Dove sei stato?." Mi domanda,intanto continuo a guardarla negli occhi senza dire niente, Y: "Se- Sebastian?." Sono a due passi da lei. Y: "si può sapere che stai facendo?.". Mi chiede ancora mentre mi inginocchio di fronte a lei sorridendo lievemente imbarazzato. Y:"cos?''. La interrompo. S: "Yuki vuoi passare il resto della tua vita con me?,diventando così mia moglie?. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 10 POV Yuki Y: "Se- Sebastian?." È a due passi da me Y"si può sapere che stai facendo?." Gli chiedo ancora mentre si inginocchia di fronte a me. Y:"cosa vuoi far...? " mi interrompe. S: "Yuki vuoi passare il resto della tua vita con me diventando così mia moglie?." Tremo appena alle sue parole e mi cedono le gambe, penso di non essere mai stata così rossa e felice in vita mia. Y:.. Io .. io non so che dire ma la risposta è si. Si che voglio sposarti. È solo che non me lo aspettavo. Sorrido lievemente timida poi lo guardo aveva un espressione preoccupata in viso, così gli accarezzo la guancia e gli bacio appena le labbra; quei pochi secondi bastano a riscuoterlo. Poi gira lo sguardo un po’ dispiaciuto e imbarazzato. Y:Sebastian stai bene?. Mi sto preoccupando per lui ma finalmente dice qualcosa. S: Stò bene tranquilla, è solo che non volevo farti piangere,il fatto è che hai miei occhi sei bellissima anche quando piangi; ti amo da morire come riesci a sedurmi con un solo sguardo?. Sogghigna appena e mi stringe a lui baciandomi il collo, ed io tremo un po’ e trattengo un gemito rossa stringendogli da dietro la giacca. Y: N nh.. S Sebastian f fermo così rischiamo di traumatizzare qualcuno tra un po’ anche Pluto.. Giro lo sguardo rossa e poi provo a spostarmi appena da lui per poi appoggiare il viso al suo petto, lo sento ridacchiare lievemente e continua a accarezzarmi la schiena poi mi sussurra, S: e Sti cazzi del cane, non è colpa mia se non riesco a resisterti, ti mangerei tutta mia dolce vampira. Lo sento spostarmi la spallina del vestito e appena quella del reggiseno, avvampo e mi sposto appena però mi stringe ancora di più a se. Abbassa la testa e mi bacia il collo per poi mordermi all'improvviso e mi scappa una bestemmia, che lo fa scoppiare a ridere. Y:''Piantala! non sono una caramella porco Alois in calore!''. mi guarda cercando di trattenersi e ridacchiando appena. S: hahaha... Scusa non volevo farti male ma questa mi è piaciuta piccolo panda, però è anche vero che sei mia. Mi guarda e mi continua a mordicchiare e baciare il collo, alla fine crollo sotto le sue attenzioni e mi scappa un gemito,lo guardo gonfiando le guance e incrociando le braccia girandomi di spalle e forse ho fatto una cazzata, perché mi bacia la schiena per poi abbracciarmi da dietro e darmi piccoli baci sul collo per poi mettermi l'anello al dito. Giro lo sguardo rossa e lo lascio fare, accoccolandomi e allo stesso tempo mi arrendo a lui e chiudo gli occhi. Y:''Odio quando fai così, mi fai dire si a tutto sei tremendo ma ti amo lo stesso''. Sorride e sogghigna. S:''si a tutto eh? Anche a ...',Poi sono io che ti amo di più ''. Mi mordicchia la spalla e mi accarezza il seno, avvampo e scatto coprendomi. Y:P-piantala di fare il pervertito mi basta già Raito non ti convertire! >///<. S: nessun pericolo sono peggio di tuo fratello. Sorride e mi guarda in modo tenero. Y:''Ho mierda mi devo preoccupare?''. Sorrido appena e lo coccolo per poi finire stesa sul letto con lui sopra a coccolarmi. Y:''Baka~♡''. S:''come te piccola peste''. Non faccio in tempo a rispondere che mi bacia. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 11 P.O.V. Sebastian Sono davanti a lei e cerco di capire la sua reazione alla proposta che gli ho fatto, Ma non riesco a capirla anzi trema piangendo, mi sto preoccupando non capisco se è per gioia o perché ancora non è pronta per il matrimonio. Forse ho fatto tutto troppo di corsa. Prima la sorpresa che stiamo per avere un figlio e io che gli chiedo questo, Dannazione!,Ho paura di poter perderla se rispondesse in modo negativo. Non sopporto vederla piangere o sapere che posso essere io a farla soffrire, se non peggio. Sono preso dai miei pensieri e sto cercando le parole giuste anche per farmi perdonare se ho sbagliato. Mi riprendo quando vedo il suo bel faccino che mi sorride e così mi accarezza la guancia, baciandomi appena le labbra. Quei pochi secondi bastano a riscuotermi dai miei pensieri; poi giro lo sguardo un po’ dispiaciuto. Y:Sebastian stai bene?. La guardo, Si sta preoccupando per me allora decido di dire qualcosa. S: No,Stò bene tranquilla, è solo che non volevo farti piangere, il fatto è che hai miei occhi sei bellissima anche quando piangi; ti amo da morire e non voglio farti soffrire non me lo perdonerei mai. S: E poi come riesci a sedurmi con un solo sguardo?. Sogghigno appena e la stringo a me baciandogli il collo, trema un po’ e trattiene un gemito rossa stringendomi da dietro la giacca con la mano. Y: N nh.. S Sebastian f fermo così rischiamo di traumatizzare qualcuno tra un po’ anche Pluto. . Prova spostarmi appena da lei e poter appoggiarmi il viso al suo seno "chiudendomi il busto in un abbraccio, ridacchio lievemente e continua a accarezzarmi la testa e la schiena poi gli sussurro, s: e Sti cazzi del cane, non è colpa mia se non riesco a resisterti, ti mangerei tutta mia dolce vampira. Gli sposto la spallina del vestito e appena quella del reggiseno, avvampa e mi sposto appena però mi stringe ancora di più a se. Alzo la testa e gli bacio il collo per poi morderlo all'improvviso facendogli scappare una bestemmia abbastanza pesante , che mi fa scoppiare a ridere. Y: Piantala non sono una caramella porco Alois in calore! . S: hahaha... Scusa non volevo farti male ma questa mi è piaciuta piccolo panda, però è anche vero che sei mia. Comincio a mordicchiare e baciare il suo collo, alla fine crolla e gli scappa un gemito e mi guarda gonfiando le guance e incrociando le braccia girandosi di spalle e ha fatto una cazzata. Perché gli bacio la schiena per poi abbracciarla da dietro;accarezzandola dispettosamente sul suo punto debole per poi gli prendergli la mano mettendogli l' anello; gira lo sguardo rossa e la lascio fare accoccolandola me a e chiude gli occhi rilassandosi. Y: Odio quando fai così, mi fai dire si a tutto sei tremendo ma ti amo. Sul mio viso,si forma un piccolo ghigno senza alcuna malizia per ora. s: si a tutto he? Anche a ... E ti amo di più io. Gli mordo piano la spalla e gli accarezzo il seno , avvampa e scatta cercando di coprirsi ...tanto so che alla fine bisogna ricomprare un letto finisce sempre così. Y: P piantala di fare il pervertito mi basta già Raito non ti convertire!, la guardo e Scoppio a ridere. S:nessun pericolo io sono peggio di tuo fratello. Sorride e mi guarda teneramente. Y Ho mierda mi devo preoccupare?. Sorrido appena e la coccolo per poi finire steso sul letto con lei standole sopra, a coccolarla. Y: nh... Baka~♡ non gli do il tempo di rispondere che la bacio, sdraiandola sul letto. non so come farei senza questa piccola peste; e alla piccola nuova vita che mi stà regalando, semplicemente le amerò entrambe. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 12 pov Ash Stavo Leggendo tranquillo vicino alla finestra, intanto Lin era in cucina Da quando Sebastian è andato dai phanthomhive la casa è molto più tranquilla beh in un certo senso è anche un bene Angeli e demoni non vanno molto d'accordo, ma con Lin è tutta un altra storia. i miei pensieri vengono interrotti proprio da Lei. L: chi sa se Sebastian ci verrà a trovare ogni tanto, è da molto che non lo vediamo. A: Beh fra i casi della regina e fra le faccende domestiche, poi ci si mette anche la sua fidanzata non so quanto tempo libero abbia a disposizione per poter venire. L: già… un po’ sono gelosa lo ammetto però sono contenta per lui almeno spero che sia felice. Mentre Lin ricomincia a preparare la cena. Sentiamo il campanello suonare, così vado ad a aprire e Beh si parla del diavolo ... . A: figliolo da quanto tempo, come mai qui? S: padre..., siamo venuti perché abbiamo delle cose importanti da dirvi. Infatti solo dopo vedo spuntare il viso di Yuki leggermente rossa da dietro Sebastian, prima che venisse interrotto dalla madre che gli salta letteralmente addosso . L: mi sei mancato così tanto tesoro mio!. Sorride s: anche tu mamma A: allora cosa dovete dirci di cosi tanto importante Sebastian?. Il sorriso che aveva è improvvisamente scomparso dal suo viso, e al suo posto un espressione seria che fa preoccupare sia me che Lin, cosi Aspettiamo che ci dica qualcosa, intanto li faccio entrare in casa cosi anche da poter parlare in tranquillità e non so cosa aspettarmi da lui, o meglio da loro. S: beh non so come potreste prendere queste notizie, ma spero che sarete felici per noi visto che ormai siamo decisi ad ‘’andare avanti’’ qualunque cosa succeda. Intanto che Lin finisce di preparare la cena e Yuki per aiutare apparecchia la tavola sotto lo sguardo vigile e attento quasi peggio di un falco da parte di Sebastian,ed ammetto che questa cosa inizia a preoccupare anche me, cosa nascondono?. Dopo un po’ mi alzo e li lascio soli; andando da Lin e abbracciandola da dietro almeno per cercare di tranquillizzarla un pochino anche se nemmeno io sono poi cosi tranquillo ma questo non importa. Dopo poco ci sediamo in sala da pranzo e ceniamo tranquillamente, noto gli sguardi di Yuki e Sebastian incontrarsi mentre ceniamo in silenzio, lo noto annuire poi si alza e ci guarda sorridendo appena rosso. Cosa cazzo ho appena visto non l’ho mai visto arrossire cosi tanto sto andando in panico, per caso vuole uccidermi di nuovo? A : Sebastian ci spiegate che succede ci stiamo preoccupando, per l’ amor di Gesù cristo parlate per favore. S : va bene senza tanti giri di parole e senza che prendiate infarti le notizie che dovevate sapere sono che sarete nonni. E che ho chiesto a Yuki di sposarmi. Io rimango immobile ancora sotto shock, in tanto Lin si fionda su Sebastian con occhi a stellina per la gioia mentre io Stò bestemmiando anche in tedesco e in quel preciso momento rientra mia sorella che non ha la più pallida idea di cosa sta’ succedendo. L: SONO COSI FELICE PER VOI,NON VEDEVO L’ORA DI DIVENTARLO !!!!. e di partecipare al vostro matrimonio. Dai Ash ! Di qualcosa non startene li immobile, è una notizia fantastica!. Dopo due secondi in comincio ad imprecare tutti i santi A: MA PORCA VACCA! COSA HAI APPENA DETTO?!. L: Ash !!! An: mi spiegate che cazzo succede?: Y: semplicemente loro stanno per diventare nonni e tu prozia, e che la prossima settimana il 3 di dicembre ci sposiamo. Ha il / la piccolo/a ha già più o meno sette mesi, ma ancora non sappiamo se sia maschio o femmina. An: Azz… hem.. beh a- auguri?... Vedo Sebastian che ridere e giuro che vorrei ucciderlo, anche se lui mi ha già ucciso una volta, però potrei farlo anche io. S: Dai dovresti essere felice per il tuo unico figlio e poi avere un nuovo arrivato o arrivata in famiglia è sempre una bella cosa, poi ammettilo che un po’ anche tu ci speravi. A: mi hai fatto venire un cazzo di infarto e tu ora mi dici di essere felice?! Sono leggermente traumatizzato ora !. Dopo dieci minuti mi riprendo e realizzo bene le due notizie, poi lo abbraccio: nonostante tutto sono felice per lui. A: beh auguri e spero che sarai felice te lo auguro con tutto il cuore figlio mio, e spera che non sia stronzo /a quanto te. Sorrido lievemente e lo coccolo un po’ anche se è un demone e pur sempre mio figlio e gli vorrò bene qualunque cosa succeda. S: grazie papà gran bello stronzo che sei ma ti voglio bene anche io, poi tra me e Yuki non saprei chi è peggio. Lei con me è quasi iperprotettiva come lo sono io con lei però non mi lamento perché abbiamo un rapporto solido e credo che durerà in eterno come te e la mamma. A: speriamo sai com è a volte tua madre è intrattabile però tra alti e bassi ci amiamo ugualmente. S: si vero. Lo sento ridacchiare e ho l’ istinto di mandarlo a quel paese ma gli voglio bene cosi com è, e sono curioso quasi quanto Lin di conoscere nostro o nostra nipote. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 13 P.O.V. Reiji Stavo leggendo tranquillamente un libro leggero sulla fisica quantistica applicata di 1232 pagine, quando sento qualcuno entrare nella biblioteca privata della reggia, e andando per esclusione ho dedotto si trattasse di quella combina guai di mia sorella Yuki, che infatti si presenta davanti a me con un sorriso stampato in faccia. Y: Ti disturbo? R: a dire il vero sì, ma ormai sei qui Y: perfetto! Devo dirti una cosa importante Sentirle dire quelle parole mi fece insospettire, e non poco. R: di cosa si tratta? Y: ecco...riguarda me e Sebastian e...ecco.. Il solo sentire il nome di colui che ha preso la purezza della mia unica sorella mi fa salire il sangue al cervello, ma mi mantengo calmo Cercando di non lanciare niente. R: allora? Vi siete lasciati finalmente? Y: Grazie per la comprensione e l'incoraggiamento, ma no.... Io.... La vedo arrossire appena ma il suo sorriso non scompare, si dondola, con le mani dietro la schiena e poi mi guarda. Y: sono incinta... diventerai zio. Prendo il libro di prima mettendo l'angolo in evidenza, visibilmente arrabbiato. E Yuki mi guarda tra lo spaventato e il divertito. R: dov'è adesso? Y: Reiji....Non fare cazzate...calmati R: assolutamente no. devo cavargli gli occhi e farglieli ingoiare dal foro d'uscita... Y: avanti, sarà bello avere un bimbo o bimba in casa ogni tanto R: sei conscia del fatto che la tua vita non sarà come adesso, verrà stravolta Y: certo che lo so, ma sono pronta ci ho sperato e poi per me la cosa più importante è renderlo felice. R: ?! È vero...Non lo dirò mai ma mia sorella è davvero cresciuta...Sono io che non riesco a lasciarla andare... poso il libro e l'abbraccio, in fondo non c'era nessuno. R: ...Per qualsiasi cosa sai dove siamo, e se combini qualche sciocchezza ti verrò a prendere ovunque sarai per dirtene quattro.... Sento la camicia umida e lei che singhiozza, mentre sento qualche "Grazie" nel pianto di sfogo dell'unica sorella che ho, e che penso sia il momento di lasciar andare da sola.... . Dopo un po' torna sorridente come al solito e andiamo di sotto a cenare, non abbiamo più parlato della questione, né ne hanno parlato gli altri, ma sappiamo tutti che rimarrà sempre nostra sorella e che ci prenderemo, ognuno a proprio modo, cura del demone vampiro che nascerà. Scendiamo di sotto per cenare e prima che potessimo essere tutti a tavola il campanello della porta principale suona, mi giro verso Yuki che era scattata ad aprire così la seguo, ho il sospetto di sapere già chi sia. Infatti appena apre la porta salta praticamente in braccio a Sebastian che prontamente la prende al volo. Y: non pensavo che venissi quindi avete già risolto il caso?. sono felice che non sei ferito, ero preoccupata per te. S: buona ser... Y- Yuki! cerca di stare più attenta e calma non voglio vi succeda qualcosa, sarebbe stato pericoloso se non ti avessi preso al volo!. Comunque si abbiamo risolto il caso, e il bocchan mi ha lasciato venire da te,sto bene tranquilla piccola peste. Y: scusa hai ragione non volevo spaventarti.... . Sapevo che era lui e istintivamente mi verrebbe dal prenderlo a legnate, però vedo che tiene davvero a lei non mi aspettavo un suo rimprovero a Yuki; ma ha ragione ora sono un pò più tranquillo sapendo che al suo fianco c'è lui. R: buona sera Sebastian. .. Yuki staccati sembri un koala... la cena e pronta andiamo. Y: nh... sono un panda non un koala!, ok arriviamo. S: hehe... non cambierai mai, ma sei sicura che non disturbo?. Y: certo che no su andiamo ho aspettato te, per dirgli anche l'altra cosa che dovevi dirmi no?. S:C- Cosa?! Ah si beh grazie per avermi aspettato. Spero ti piaccia ( "Mi preparo a morire"). Y: mi piacerebbe qualunque sorpresa da te. R: dovete dirci altro?. Y: si un ultima sorpresa che ha per noi Sebastian nemmeno io so bene cosa sia. S: "bugiarda..."➡ (pensiero). Lo guardo e dopo il bacio che si scambiano ascolto la loro conversazione visto che non potevo evitarlo avendoli davanti,e rabbrividisco al sentire " volevo aspettare te per dirgli l'altra sorpresa che volevi farci ". Infatti vedo sbiancare e sorridere nervosamente il demone,così assottiglio lo sguardo e faccio strada verso la sala da pranzo dove ci aspettano anche gli altri, arrivati lì ci sediamo tutti insieme e iniziamo a cenare, all'ultima portata prima del dolce; noto che Yuki si alzava sorridendo facendo fare lo stesso al demone e stringendogli la mano, così li guardiamo ascoltandoli in silenzio. Y: cari fratelloni, oltre alla sorpresa che vi ho già detto, credo c'e ne sia un'altra e spero vi piaccia. S: quindi sul serio non glielo hai detto ?. Y: te l'ho detto volevo che ci fossi anche tu e che potesse essere ufficiale non penso che fosse davvero quella so bene quanto tu curi perfettamente ogni dettaglio era troppo semplice poi ti ha fatto scoprire claude he he. S: appunto quel bastardo... mi ammazzeranno ma non mi interessa io lo faccio solo perché ti amo. Su: avanti parlate, basta essere così enigmatici! K: cos'è sono gemelli?, ormai non mi stupisco di niente. Ra: magari, hanno deciso di dire com'è successo qui. R: raito!... continuate pure.. Li guardo per poi fulminare malamente raito. Ra: scherzavo calmati Sh: aww... fate in fretta io ho sonno. .. A: Su cos'è ti ha proposto un viaggio romantico ?. Sospiro e aspetto che parlino bevendo il the che i domestici hanno servito insieme al dolce. Y:nessuna delle cretinate che avete detto. La vedo sorridere e guardare Sebastian annuendo i miei sospetti non cambiano cosa nascondono?. S: va bene allora lo farò ufficialmente però siediti. Y: ok era per questo che l' ho lasciata a te quella cosa mio dolce demonietto. S: y- Yuki .... È la prima volta che vedo arrossire quel demone che ha in mente dì ufficializzare?, Yuki si siede sorridendo mentre lui sposata la sua sedia e con la mano destra si cerca nella tasca della giacca; sembra che l'abbia trovata e si inginocchia prendendo la mano di Yuki che arrossisce e sorride. Ho no!... no no no!, Non avrà mica intenzione di fare quello che penso?!; i casi sono due o lo uccido i bestemmio male, ma non credo che lo faccia se tiene alla vita però lo vedo sorridere e non mi piace. S: Yuki Sakamaki. ..vuoi farmi l'onore immenso di diventare mia moglie?☺ Y: si!... certo che lo voglio! Su:C che hai detto?! . Sh: porca troia l'mp3! Ra: w wow ... beh tanti auguri per me va più che bene K: .....hem. .. A: ..... R reiji. ...? R: Pffff...!!! C che cazzo ho appena sentito?!. Per la sorpresa quasi mi strozzo e sputo il the. ..ha davvero chiesto la mano di Yuki?... per me va bene, ma se la farà soffrire me la pagherà molto cara. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- capitolo 14 P.O.V. Shu Sh: porca troia l'mp3! È quasi peggio di quando lo ha detto a me, quando.. *2 ORE PRIMA* Mi ero appisolato sul divanetto vicino all'ingresso, e quella catastrofe naturale di mia sorella entra cominciando a cercare, probabilmente, tutti noi, e sfortunatamente trova me, saltandomi addosso come il meno leggiadro dei rinoceronti, facendomi non esattamente bene. Sh; ma ti sei rincretinita del tutto? Y; Gomene, Shu-nii-san Dice sorridendo, e già capisco che siamo tutti nella merda. Sh: allora cosa vuoi? Y: ma tu che dici? Sh: quando mi chiami così c'è qualcosa che non va, o che devi chiedermi qualcosa Y; più che chiedere, devo dirti una cosa...abbastanza importante... Ok, ora sono davvero preoccupato. Sh: cosa c'è? Avanti Y:Ho nulla di che solo .. che diventerai zio. Sh: ........a aspetta, Cosa?. Cado dal divano e trattengo una bestemmia a stento. Sh: non dirmi che è stato, quel bastardo di un demone?! Io lo ammazzo!. Y: primo tu non ammazzi il padre di tuo nipote, e secondo; rassegnati ormai sono incinta, e tu sarai zio Che ti piaccia o no. Faccio ancora fatica a metabolizzare quello che ha detto, e solo dopo la guardo male. Shu: chi è stato dei due?. Y: Guarda l'uomo nero... beh chi vuoi che sia stato se non Sebastian?, è il mio ragazzo in fondo. Shu: orcooddio... Y: dai non è la fine del mondo ci sono cose ben peggiori, poteva essere Claude. Sh: ... evito di parlare. Y: sai dove sono gli altri? Sh: probabilmente in giro per casa, ora non seccarmi voglio dormire. Y: grazie... certo che sei stronzo eh ... Dopo questa frase la vedo salire di sopra cercando i nostri fratelli, io mi risdraio sul divanetto e chiudo gli occhi lasciandomi sfuggire un sorriso, per poi cercare di dormire anche se non ci riuscivo. Il pensiero che Yuki presto si allontanerà definitivamente da questa casa mi spaventa,forse sono io che non voglio lasciarla andare.
×

Important Information

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione. Privacy Policy